EMERGENZA COVID - 19 - COMUNICAZIONE DEL CNN

Consiglio Nazionale del Notariato

17 marzo 

  • EMERGENZA  ECCO COME SI SVOLGERA' L'ATTIVITA' NOTARILE.

 

  •     PER LEGGE LA SEDE PRINCIPALE DEL NOTAIO NON PUO' CHIUDERE,  in considerazione della funzione pubblica svolta.

               Negli studi notarile aperti è ridotta al minimo la presenza del personale, secondo le indicazioni contenute nel DPCM. Possono, invece, essere chiusi gli uffici secondari.

  •     I CITTADINI CHE NE HANNO NECESSITA' DEVONO METTERSI IN CONTATTO CON IL PROPRIO NOTAIO per valutare se l'atto programmato può essere posticipato     

               oppure per segnalarne tramite richiesta scritta la necessità o urgenza.

  •     NEI CASI IN CUI SIA NECESSARIO PROCEDERE ALLA STIPULA DELL'ATTO NOTARILE OCCORRE INDEROGABILMENTE TENER CONTO DELLE INDICAZIONI PREVISTE DAI DPCM

               relative alle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra  loro di almeno un metro, pertanto:

               Il luogo di stipula dovrà essere di norma lo studio notarile. A tal riguardo il notaio inviterà a favorire la stipula presso il proprio studio, poichè si tratta di struttura organizzata in modo da soddisfare i              requisiti di sicurezza igienica imposta dal  Governo.

               I cittadini devono recarsi presso lo studio del notaio su appuntamento, senza accompagnatori non necessari, rispettando gli orari, rispettando le distanze di sicurezza e adeguandosi alle 

               prescrizioni di sicurezza adottate  dallo studio.

              Nel caso di cittadini affetti da virus o in quarantena, i notai presteranno loro il proprio ministero nel rispetto dei DPCM, ove le autorità sanitarie e di pubblica sicurezza - garantendo

             il dispositivo di protezione idoneo a giudizio del personale medico - consentissero l'accesso al notaio e alle eventuali altre parti, nei luoghi ove si trova la parte contagiata o in quarantena.

 

           CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

   

            EMERGENZA COVID 19